Come riuscire a stare a galla

Come riuscire a stare a galla

Come riuscire a stare a galla

Riuscire a stare a galla può essere la vostra salvezza in una situazione qualsiasi, situazioni da film come l’aereo che cade nel mare, la semplice caduta da un molo da una barca o da qualsiasi punto che porterà voi nell’acqua bassa o profonda e poco importa perché si annega anche in un bicchier d’acqua.

 

Un’ulteriore situazione può essere quella che già sapete nuotare ma vi siete allontanati troppo dalla riva e vi trovate senza fiato e senza forze e rischiate di annegare, sapendo come riuscire a stare a galla vi basterà sdraiarvi e riposare un attimo.

 

Impegnatevi il più possibile per riuscire ad apprendere questa tecnica perché come ho già detto prima può salvarvi la vita.

 

Esistono tantissimi corsi di nuoto ma dato che cercate di farlo da soli passiamo alla teoria.

 

Scegliete un posto a voi comodo nel quale potete tentare di stare a galla, una piscina anche una di quelle in giardino.

 

Ricordate di farvi aiutare da qualcuno che già sa nuotare così nell’ipotetico caso può soccorrervi e soprattutto aiutarvi nell’esecuzione della pratica.

 

Iniziamo, entrate in acqua e vi fate aiutare dalla persona che vi assiste.

Dovete sdraiarvi sull’acqua e in questo vi aiuterà lui o lei mettendo le mani sotto i vostri lombari per sostenervi e farvi abituare al galleggiamento, voi nel frattempo rilassatevi e respirate tranquillamente.

Appena vi sentirete al vostro agio lasciate le gambe e le braccia libere di galleggiare sole e se è strettamente necessario muovete le braccia con movimenti regolari e tranquilli.

Non preoccupatevi se le vostre orecchia restano sotto l’acqua, è normale.

 

Molte persone che ho seguito hanno imparato a stare a galla al primo tentativo, la persona che assiste si allontanerà da voi e non ve ne renderete neanche conto, quasi come quando si insegna ad andare in bici.